L’invecchiamento cutaneo è un disagio che prima o poi attanaglia tutti. Infatti, la prima parte del corpo che vediamo ogni mattina è il nostro viso, dove non sempre ci riconosciamo, in quanto a volte riporta gli effetti del nostro sentire, del nostro malessere, stanchezza, preoccupazioni, del tempo che passa.

Viso che nella sua conformazione conferisce delle caratteristiche personali, che nell’avvicendarsi della vita a volte cerchiamo di mascherare con espressioni diverse, nella sua quotidianità risente di gesti che possono alterare l’equilibrio della pelle: stili di vita, alimentazione, sole, fattori ambientali  che costituiscono il cosiddetto invecchiamento estrinseco, che si somma a quello intrinseco.

Questi altro non è che il naturale invecchiamento cronologico  e fisiologico quale normale tendenza delle cellule a non rinnovarsi più, e che include anche aspetti ormonali e lo stress emotivo, cioè la capacità di elaborare un’emozione e del tempo in cui ci restiamo. Tutti fattori che hanno lo scopo di mantenere in equilibrio la capacità difensiva della pelle

La combinazione dei 2 tipi di invecchiamento cutaneo crea uno stress ossidativo, che è la capacità del corpo di fronteggiare l’aumento di radicali liberi.

Radicali liberi che in una certa percentuale produciamo spontaneamente a sostegno del sistema difensivo, ma che nell’eccesso creano un’infiammazione nel tessuto e cominceranno ad attaccare tutto ciò che trovano.

Per l’invecchiamento cutaneo, il sistema richiama velocemente delle sostanze che però comportano una degradazione del collagene e del tessuto. Le stesse fibre elastiche e collageniche cercheranno di ripararvi, ma dovendolo fare velocemente non si disporranno ordinatamente, originando ispessimento, macchie, secchezza.

L’intento non è  quello di eliminare l’eventuale invecchiamento cutaneo cercando di cancellare i passaggi di vita che li hanno determinati, ma di permettere al viso di risplendere  della sua naturale luce, di permettere  di risentirsi bene nella propria pelle.

Questo è possibile  prestando attenzione agli specifici bisogni della pelle,  con trattamenti e  prodotti che la conservino,  la ricostruiscono, sostengano, mantengano, affinchè anche attraverso l’esperienza sensoriale di mettersi una crema rappresenti un passo verso il riprendere contatto con se stessi.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto